Recensione News for Lulu – Circles

18/11/2014 § Lascia un commento

Recensione News for Lulu – Circles (Urtovox Records, 2014)

NewsForLulu-CirclesI News for Lulu partono dal sud-ovest lombardo verso due tappe ben precise: Omaha (Nebraska), più precisamente nello studio di Ben Brodin (Bright Eyes, Mynabirds) e a New York con Joe Lambert (The National, Deerhunter e Animal Collective), rispettivamente per il mix e il mastering del loro nuovo terzo disco “Circles” (sempre su Urtovox Records).

Circles‘ è pop e psichedelia anni ’70, abbraccia gruppi come Fleetwood Mac, Neil Young, Quicksilver Messenger Service ma anche band come Wilco e Flaming Lips; l’altra questione fondamentale è l’utilizzo delle voci (con ogni sfumatura), come quelle aggiunte di Laura Burhen (Mynabirds, Postal Service) e Orenda Fink (Azure Ray) che si mischiano perfettamente e malinconicamente al risultato finale.

Into Nowhere‘ trema leggera e delicata per portarci in punta di piedi a ‘Spring Burns‘, una vera e propria esplosione solar-pop dell’America seventies; ‘Grin and Bear it‘ con quel falsetto è tanto vecchia quanto reale mentre ‘Eagles‘ perfetta nel suo essere dispari invia un messaggio abbastanza chiaro a tutte le coppie. ‘New Year’s Eve‘ sembra una di quelle canzoni pop anni ’90 che non vorresti conoscere ma ti riscopri a canticchiare in doccia, nel bene o nel male. Successivamente a ‘Your Uniform‘ che pare una colonna sonora di qualche drama-story, viene il fuzz iniziale di ‘Flowers in the Oven‘ e la chiusa della title-track che va un po’ a scemare rispetto ai picchi degli altri brani qui sopra citati.

In sintesi ‘Circles‘ è il punto più alto dei News for Lulu e se riescono a raggiungere questo livello con un sempre difficile terzo disco, beh, dovremmo esserne tutti contenti; questi ragazzi hanno delle idee molto valide e sanno come metterle in pratica. Se i coretti non vi fanno paura, non statevene lì impalati.

Tracklist:

01. Intro Nowhere
02. Spring Burns
03. Follow and Run
04. Grin and Bear it
05. Eagles
06. Say Hello with a Wave
07. New Year’s Eve
08. Rain
09. Your Uniform
10. Flowers in the Oven
11. Oh No
12. Circles
Facebook: https://www.facebook.com/newsforlulu
Casa Discografica: www.urtovox.com


(Hank scritto per www.ondalternativa.it)

Recensione Sprained Cookies – Driefted on an Oaken Mirror

03/06/2014 § Lascia un commento


Recensione Sprained Cookies – Driefted on an Oaken Mirror (29 Records, 2014)

Sprained Cookies Driefted on an Oaken MirrorDriefted on an Oaken Mirror‘ è il debutto sulla lunga distanza degli Sprained Cookies. Chi sono? Presto detto: Cecilia Frusciante alla voce e Corrado Maria De Santis alla chitarra. Il duo (anche se dal 2012 si vvalgono di Lorenzo Mancini e Simone Sifoni, rispettivamente al basse e alla batteria) ci porta verso la psichedelia, il blues e i mitici anni ’60.

Sul cd non si hanno altre notizie: il librettino è old style, ovvero due paginette con informazioni che si possono reperire anche sul comunicato stampa. Scoprire poi che, oltre alla pagina facebook , il gruppo  (così come la casa discografica) abbia un MySpace mi fa tornare un po’ indietro nel tempo.

Scuotendo la testa torno al disco. Sì, perché è la musica che ci interessa, sbaglio? Mi piace iniziare dalla fine, per cui citerò le due bonus track: si tratta di due cover dei The Brianjonestown Massacre (‘Crushed‘ e ‘Anemone‘) che non sono state pensate per stravolgere l’originale.

Il resto di ‘Driefted on an Oaken Mirror‘ è abbastanza omogeneo, è un suono continuo e senza troppi stacchi, ma per fortuna non frena più di tanto l’ascolto; più che altro è l’assenza di una canzone traino (‘Despicable‘ è quella che fa la voce grossa, ma non troppo) che penalizza l’album, e forse la loro personalità che è tenuta nascosta non aiuta il duo. Nemmeno il grandissimo David Bowie, qui in ‘Chasm’ sottoforma di citazione, può sollevare un album abbastanza piatto.

Ridurre la sostanza, mettendo meno carne al fuoco quindi, per un buon disco non è cosa semplice, vedremo se gli Sprained Cookies riusciranno a fare di meglio. A presto.

Tracklist:
01. Mental Room
02. Music Sick
03. The Best Weapon
04. The Best Weapon (Reprise)
05. Phycity
06. Orchids Pyre
07. Chasm
08. Two Strings
09. Despicable
10. Lonely are the Brave
11. Lisergic
12. Until Your Hands
13. U053 (That’s me Dazzlin’)

Bonus Tracks:
14. Crushed
15. Anemone

Sito Internet: www.sprainedcookies.com
Facebook: www.facebook.com/sprainedcookies
Casa Discografica: www.29rec.com

(Hank)

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag psichedelia su Velvetgoldzine.