Recensione JoyCut – Pieces Of Us Were Left On The Ground

18/10/2013 § Lascia un commento


Recensione JoyCut – Pieces Of Us Were Left On The Ground (Pillow Case/Irma Records, 2013).

cover JoyCut Pieces Of Us Were Left On The GroundSono passati solo due anni dall’uscita di ‘Ghost Trees Where To Disappear‘, recensito positivamente nel 2011 su Velvet Goldmine, ed è un piacere avere tra le mani il nuovo lavoro della band bolognese dei Joycut: Pieces Of Us Were Left On The Ground. Lo dico subito senza perdere tempo: pur avendo un numero notevole di tracce il disco merita, cresce bene ed è facile cadere in ripetuti ascolti.

L’album è quasi interamente strumentale e bazzica parecchio nel mondo new wave come in quello elettronico e ogni tanto anche in quello post-rock; ascoltandolo intensamente si riesce ad entrare in sintonia con la sua intimità e la sua dolcezza ma anche con la sua voglia di ritmo, perché di ritmo ce n’è eccome. ‘Wireless’ è una danza subacquea di synth e batteria, ‘Individual Routine’ è nettamente più oscura, industrial quanto basta per sentire lentamente il fiato sul collo e una leggera ansia metallica che è pronta a esplodere.

Dobbiamo aspettare fino al sesto brano, ‘Funeral’, per avere un po’ di testo e una voce che ci dica qualcosa in questo delicato cullare con i fiati che fanno da preziosa  cornice; ‘Children in Love’ cresce bene e riesce a scaldare con la sua elettronica mentre ‘Kids Kids Kids’ può far battere il cuore di tutti coloro che amano l’uso del vocoder. ‘Save’ può diventare senza problemi il pezzo forte dell’intero disco, è un semplice viaggio attraverso tutti i generi sopra citati con grande maestria, oltre ad essere un altro brano cantato.

Cosa dire? La Pillow Case Records deve tenersi stretti questi ragazzi che hanno davvero delle ottime carte oltre che un’esperienza mica da ridere. Ora, così come due anni fa, rimango piacevolemnte colpito: c’è del fascino oscuro in  Pieces Of Us Were Left On The Ground.

Tracklist:

01. Wireless
02. Dominio
03. Individual Routine
04. Drive
05. Dark Star
06. Funeral
07. 1-D
08. Children In Love
09. Kids Kids Kids
10. Neverland
11. Evil
12. Pieces Of Us
13. Save
14. Berlin
15. New Poets

Sito Internet: www.joycut.com
Facebook: www.facebook.com/JoyCutOfficial
Casa Discografica: www.pillowcaserecords.com

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione JoyCut – Pieces Of Us Were Left On The Ground su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: