Recensione Xabier Iriondo – Irrintzi

14/09/2012 § Lascia un commento


Recensione Xabier Iriondo – Irrintzi (Wallace/Phonometak/Santeria/Long Song/Brigadisco/Paintvox, 2012)

Xabier Iriondo IrrintziE’ arrivato Settembre, le vacanze sono finite e le persone tornano al solito tran tran quotidiano; c’è chi trientra al lavoro, chi va a scuola o all’università e c’è chi cerca un’impiego perchè ancora disoccupato. Xabier Iriondo (Afterhours, Six Minute War Madness, A short apnea etc. etc… ) pubblica il suo primo album come solista: Irrintzi, che in lingua basca rappresenta un urlo stridente, prolungato, di un solo ed unico fiato (ben rappresentato dalla "title track").

Wallace Records, Phonometak, Santeria, Long Song Records, Brigadisco e Paintvox hanno reso possibile la cosa, come si legge dal sito internet dell’artista, mentre Valentina Chiappini è colei che ha realizzato la copertina e le stampe serigrafiche di questo doppio LP (33 giri). Esatto, Irrintzi è un doppio vinile, nulla di strano anche perchè vuole raccogliere al meglio le ispirazioni della musica tradizionale Basca e le origini di Iriondo con le sue passioni “strumentali”: “Itziar En Semea”, per esempio, pesca da quella cultura, un brano tratto da un testo dello scrittore/politico Telesforo de Monzo destrutturato e con ritmiche differenti; “Elektraren Aurreskua” è l’ultimo saluto del nonno basco  alla piccola nipote, suonato con strumenti tradizionali come lo txitsu, il tum-tum e la alboka .

Importante, oltre alle cover scelte, è anche la presenza di amici/musicisti che s’impegnano veramente a fondo: Paolo Saporiti canta in “Reason to Believe” di Bruce Springsteen, qui più elettrica, Manuel Agnelli canta con passione l’ossessiva “Cold Turkey” di John Lennon; “Preferirei Piuttosto Gente per Bene Gente per Male” fonde Lucio Battisti e Francesco Currà in modalità noise avantgarde (uno spettacolo) mentre “The Hammer” dei Motorhead è suonata con gli Ovo, riuscite ad immaginare il risultato? Concludiamo con "Gernika eta Bermeo" e le note del Mahai Metak (strumento creato da Iriondo stesso) che sostengono e si legano perfettamente con il racconto del padre del musicista, ovvero la storia del giorno successivo al bombardamento aereo su Guernica.

Un disco pieno di storie, ricco di riferimenti e di amici, un album stupendo che deve essere ascoltato e soprattutto compreso: cosa che molti, per pigrizia o per inerzia, non sapranno e non vorranno fare.

Tracklist:

01. Elektraren Aurreskua
02. Irrintzi
03. Il Cielo Sfondato
04. Gernika eta Bermeo
05. Reason to Believe
06. Preferirei Piuttosto Gente per Bene Gente per Male
07. The Hammer
08. Itziar en Semea
09. Cold Turkey

Sito Internet: www.xabieririondo.com
Wallace Records: www.wallacerecords.com
Phonometak: www.soundmetak.com/soundmetak/phonometak.htm

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Xabier Iriondo – Irrintzi su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: