Recensione Avvolte – L’essenziale e’ invisibile agli occhi

06/06/2012 § Lascia un commento

Recensione Avvolte – L’essenziale è invisibile agli occhi (Triciclio, 2012)

avvolte l'essenziale è invisibile agli occhiAntoine de Saint-Exupéry ci ha spiegato bene, con il piccolo principe e la volpe, il significato dell’amicizia, della rosa che in realtà è unica proprio per le cure ricevute dal protagonista biondino e del segreto fondamentale da non dimenticare mai: non si vede bene che col cuore; l’essenziale è invisibile agli occhi. Non sono qui certo per analizzare il libro (o la frase stessa) ma, al massimo, cercare di capire come mai un concetto simile sia stato scelto per titolo del nuovo disco dei torinesi Avvolte (un tempo chiamati Avvolte Kristedha, precisamente nel 1996 anno della loro formazione).

Questo è il loro quinto album e di strada ne hanno fatta tanta, si sono scrollati di dosso dei riferimenti troppo pesanti ma la similitudine con i Marlene Kuntz rimane (sentitevi "Un istante"); gli altri che possono dare un’idea degli Avvolte sono Massimo Volume e CCCP. L’essenziale sarà anche invisibile ai nostri occhi ma quello che arriva alle nostre orecchie è abbastanza chiaro, quello che vogliono è dare peso alla parola, ai concetti e ai pensieri; ci sarà anche chi storcerà il naso, troppo abituato ad avere il piatto caldo e pronto, ma bisogna almeno rifletterci un po’ sopra.

Chiaro, quindi, iniziare con una poesia scritta e recitata da Lydia Lunch in "Nessuna Rete", brano che parla della condizione dei lavoratori; "Per Essere Viva" viene suonata assieme a due membri dei Sikitikis e si fa notare per un buon dialogo tra il basso e la chitarra mentre, con la slide, Roberto Angelini in "La Vita che Ti Spetta" è prezioso e aggiunge al cantautorato un certo non so che. Ci sono momenti e canzoni che fanno cadere un po’ il livello generale, vedi  "Ti Piace L’articolo?", che però è comunque buono.

Stiamo parlando, alla fine, del rock alternativo italiano che con gli Avvolte viene sottolineato e ben rappresentato nel suono; non siamo davanti ad un lavoro originale o rivoluzionario ma funziona per lo più, con l’esperienza che hanno questi ragazzi possono andare oltre e rischiare di più.

TRACKLIST:

01. Nessuna Rete
02. Il Vestito Più Scuro
03. Cosa Rimane
04. L’Ultimo Giorno
05. Per Essere Viva
06. Un Istante
07. La Vita Che Ti Spetta
08. Resaca
09. Apnea
10. Ti Piace L’Articolo?
11. Sono Anche Notte

Sito Internet: www.avvolte.it
MySpace: www.myspace.com/avvolte
Facebook: www.facebook.com/avvolte

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Avvolte – L’essenziale e’ invisibile agli occhi su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: