Recensione Ufomammut – Oro: Opus Primum (Neurot Recordings, 2012)

14/05/2012 § Lascia un commento


Recensione Ufomammut – Oro: Opus Primum

Ufomammut – Oro: Opus PrimumIl trio di Tortona, composto da Poia, Urlo e Vita in attività dal 1999, ne ha davvero fatta di strada e ci fa capire quanto la scena più sperimentale, psichedelica e doom italiana possa andare oltre, superare il confine italiano e sbarcare in terra straniera anche grazie a consensi e commenti più che positivi dagli addetti del settore.

Per i Father Murphy, gruppo psichedelico italiano, è stato il druido Julian Cope a parlare molto bene di loro, per gli Ufomammut invece è stato Scott Kelly (Neurosis) che li ha presi con se nella sua Neurot Recordings: se amate il post-metal sapete bene che non è affatto un etichetta da poco. Il salto di qualità ha permesso ai ragazzi di creare un’opera mastodontica di cui "Oro" è solo la prima parte, la seconda uscirà dopo l’estate; un operazione ed un concept discutibile perchè davvero ambizioso, mi chiedo cosa potrà aggiungere il seguito ad una partenza così corposa.

Per farvi comprendere ulteriormente vi dico subito che la traccia più corta, "Infearnatural", dura poco meno di otto minuti: un suono ben strutturato con tastiere, elettronica ed una batteria che pesta all’inverisimile. "Empireum", in apertura, mette comunque in chiaro lo stile degli Ufomammut senza stravolgerlo: Pink Floyd gettati nello spazio, riff enormi, loop sonori, elettrificazioni ed esplosione finale. "Aureum" è la chicca di Oro, avanza come l’oscurità più nera nel doom, è un cosmo che si ripiega su se stesso per poi esplodere; "Magickon" è pura visone psichedelica, una nebbia sonora che ricopre quasi tutto. La finale "Mindomine", che si collega alla precedente, è un crescendo classico che si conclude come se stessimo assistendo al termine del loro live con il friggere della distorsione; l’unico problema è che per il bis, in questo caso con "Opus Alter", bisogna aspettare un po’.

Pink Floyd, NeurosisElectric Wizard e molti altri nel calderone degli Ufomammut che non è mai stato così magmatico, complicato e con un volume sempre più alto: aprite la mente e ascoltatelo.

Tracklist:

01. Empireum
02. Aureum
03. Infearnatural
04. Magickon
05. Mindomine

Sito Internet: www.ufomammut.com
MySpace: www.myspace.com/ufomammut
Facebook: www.facebook.com/pages/Ufomammut/31142261935
Twitter: twitter.com/ufomammutmafia
Casa Discografica: www.neurotrecordings.com

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Ufomammut – Oro: Opus Primum (Neurot Recordings, 2012) su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: