Recensione Aucan – Black Rainbow Remixes (La Tempesta International, 2012)

10/05/2012 § Lascia un commento


Recensione Aucan – Black Rainbow Remixes

aucan black rainbow remixesQuando esce un disco, che sia piaciuto o meno, c’è chi vuole remixare dei brani o chi fa uscire il proprio album con le tracce completamente remixate da altri artisti che, ne sono certo, fanno la fila per accaparrarsi questa possibilità. Black Rainbow dei bresciani Aucan è uscito quasi un anno fa ed ora ecco qui il suo fratello pieno zeppo di remix.

Cosa volete che sia, pensate all’ultimo periodo, sono davvero tanti gli artisti che hanno fatto la stessa e identica cosa (con risultati molto vari): i Battles, i Grinderman e Bjork per citarne alcuni. L’operazione per gli Aucan partiva dai lanci su youtube ed arriva oggi al dowload dell’album direttamente dal loro sito internet (www.aucanize.com). Cosa posso dire? Un’operazione ben fatta ed una produzione che non lascia nulla al caso. Personalmente parto dal presupposto che questo album dividerà i fan: c’è chi lo amerà alla follia esaltandone le doti e chi rimpiangerà l’originale sottolineandone l’originalità e l’immediatezza.

"Storm" serve per aprire e spezzare il ghiaccio, Will Brooks (Mc Dalek, mica uno preso a caso) la riprende e la rinnova: un hip-hop con una gran bella base, un pezzo in stile Anticon per intenderci; Spex MC (cantante degli Asian Dub Foundation) segue la stessa scia con "Away" che si trasforma in un potente inferno sonoro elettrificato dai Nine Inch Nails (giusto per intenderci). Il viaggio dei rimpasti continua con ritmi ossessivi (la title track riletta dagli Scorn), brani da colonna sonora ("Embarque" feat. Cécile) e massive attack in salsa eterea ("Blurred" feat Shigeto). Ognuno può fare le proprie scelte e per esempio il sottoscritto preferisce comunque gli originali di "Away" e di "Underwater Music" perchè, soprattutto nel secondo caso, perdono di efficacia e di originalità.

I nomi che collaborano, come potete notare, non sono proprio sconosciuti e questo servirà a gli Aucan per farsi notare ancora di più all’estero; insomma, una buona occasione per farsi conoscere con un operazione musicale in voga.
I ragazzi sono bravi, lo sottolineo, ma questo Black Rainbow Remixes (uscito per La Tempesta international) stuzzica ma lascia il tempo che trova.

Tracklist:

01. Storm Featuring mcDALEK
02. Away Featuring SPEXmc
03. Spl – Niveau Zero Remix
04. Save Yourself – Ambassadeurs Remix
05. Underwater Music Vip
06. Heartless – Broken Haze Remix
07. Embarque – Cecile Remix
08. Red Minoga – Robot Koch Remix
09. In A Land – Skyrider Remix
10. Black Rainbow – Scorn Remix
11. Blurred – Shigeto Remix

Sito Internet: www.aucanize.com
Facebook: it-it.facebook.com/AUCANOFFICIAL
Casa Discografica: www.latempesta.org/international

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Aucan – Black Rainbow Remixes (La Tempesta International, 2012) su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: