Recensione Father Murphy – Anyway Your Children Will Deny It

02/05/2012 § Lascia un commento


Recensione Father Murphy – Anyway Your Children Will Deny It (Aagoo Records, 2012)

Father Murphy – Anyway Your Children Will Deny It “…Questo gruppo italiano popola un proprio stravagante e ricco paesaggio musicale… le loro tastiere alla Robert Wyatt, le voci alla Samla Mamas Manna, il drumming alla This Heat-incontrano-Canterbury”. Queste sono le parole che il druido Julian Cope utilizza per parlare dei Father Murphy e che io prendo in prestito, banalmente forse, per presentarli.

Noi di velvetgoldmine.ioblocco.com li seguiamo dagli esordi (Il Reverendo Freddie ha anche scritto per noi un resoconto sui primi live passati fuori dalla penisola) e siamo davvero felici del loro successo internazionale, delle loro aperture ai concerti per gente come Deerhoof (Greg Saunier è al mix per questo album) e del loro suono così compatto, stralunato, oscuro, sacro ma anche profano. Basta ascoltare l’opener “How We Ended Up With Feelings Of Guilt” per capire che il gruppo composto da Il Reverendo (voce e chitarra), Chiara Lee (voce, tastiere e percussioni) e Vittorio Demarin (voci, archi, batteria) fa sul serio.

E’ l’apocalissi, o quasi, quello che sentiamo nelle prime tracce, un cammino lento ed inesorabile verso la fine; è un suono nero e tetro, con dei martellamenti industrial (“It Is Funny, It Is Restful Both Came Quickly”) e pianti che fanno venire i brividi (“Digging the Bottom On the Hollow”). Troviamo anche delle composizioni per archi, un muro d’archi per la precisione (“In Praise of Our Doubts”), che sanno di gotico come se ci fosse lo zampino dei Therion. Black Heart Procession, This Heat, Throbbling Gristle e tanto altro ancora per un disco che non ha bisogno di critiche ma solo di conferme e di ripetuti ascolti; “Don’t Let Yourself Be Hurt This Time” chiude perfettamente     l’album migliore (ed il meno “italiano”) dei Father Murphy  in relax, con un pop insistente.

Avanti, continuate così, con la vostra splendida marcia.

Tracklist:

01.How We Ended Up With Feelings Of Guilt
02.His Face Showed No Distortions
03.It Is Funny, It Is Restful Both Came Quickly
04.Diggin’ The Bottom On The Hollow
05.In Praise Of Our Doubts
06.Their Consciusness
07.In The Flood With The Flood
08.Don’t Let Yourself Be Hurt This Time

Sito Internet: fathermurphy.blogspot.com
MySpace: www.myspace.com/reverendmurphy
Facebook: it-it.facebook.com/fathermurphyband
BandCamp: fathermurphy.bandcamp.com
Casa Discografica: www.aagoo.com

(Hank).

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Father Murphy – Anyway Your Children Will Deny It su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: