Appunti dal Fumetto Festival 2012 di Lucerna

23/04/2012 § Lascia un commento


Vi state chiedendo coma mai recensiamo un festival di fumetti, per di più estero, su questa piattaforma musicale? Ebbene è la prima volta che assisto ad un evento simile ma le vibrazioni che ho ricevuto, tralasciando il piano visivo e/o tecnico dei fumetti o delle illustrazioni, sono legate alla musica e ad i suoi protagonisti.

Raymond PettibonQuesta è stata la ventunesima edizione del Fumetto Festival di Lucerna, stiamo parlando di un ritrovo per appassionati del fumetto ma anche per i semplici curiosi; le persone che giravano tra le mostre e le esposizioni  (negli ultimi due week end di fine Marzo) erano le più disparate: dai bambini agli adulti, dagli esperti ai neofiti, dai geek ai modaioli. Come ogni anno si è organizzata una competizione a tema e quello scelto per l’ultima edizione è stato “Il Movimento”, tanti i giovani disegnatori che hanno partecipato dando prova del loro talento e della loro fantasia.

Per prima cosa, quale amante della musica non ha mai sentito nominare Raymond Pettibon? Se il suo nome non vi dice nulla, sicuramente la cover di Goo dei Sonic Youth vi sarà d’aiuto; la sua mostra alla Kunsthalle racchiude le sue opere ultime (periodo dal 2006 al 2011), ricche di colore e testi fusi tra di loro, che oramai hanno poco a che fare con la musica di Thurston Moore e soci ma che colpiscono ugualmente.

Serge Clerc

Nella nobile Am Rhyn-Haus, invece, si potevano ammirare le opere di due artisti francesi: Yves
Chaland e Serge Clerc. La prima cosa che mi è venuto in mente guardando i loro disegni è stata la musica anni ’80, il glam a la David Bowie ed il punk rock di Blondie: entrambi i musicisti citati sono stati impressi su carta proprio da Serge Clerc  (artista in residenza a Lucerna) ma anche i The Cramps, geniali e balordi che frullano psychobilly con il garage e la new wave, non scappano alla matita dell’artista.

Ulli Lust
Quando le donne si riuniscono ad un tavolo per chiacchierare e vengono capeggiate da artiste come Ulli Lust e Kati Rickenbach ecco che nasce una collettiva piena di sesso, amore, paure e d’immagini accompagnate da suoni (field recording o canzoni del prezzemolino ed educato John Zorn). Ulli Lust mi ha fatto quasi canticchiare “Walk on the wild side” di Lou Reed nel bel mezzo della mostra, il motivo? Basta conoscere il testo della canzone e dare anche solo una piccola occhiata disegni di “Heute Ist der letzte tag vom rest deines lebens”.

L‘esibizione delle tavole di Anja Vicki, che potete ritrovare grazie al suo fumetto "Hast du das MeeAnja Wickir gesehen", ci catapulta nel mondo ambient(ale) e solitario della musica nordica, con quell’elettronica delicata e fredda ma piena di emozioni dolceamare. Come non segnalare anche i locali notturni, tutti quanti partecipavano all’evento organizzando concerti, live e djset: in particolare ricordo il concerto degli svizzero-canadesi Peter Kernel che suoneranno live anche in Italia, al Circolo Magnolia (Segrate, Milano) questo giovedì 26 Aprile 2012.

Musica ed illustrazioni, suoni ed immagini, sperimentazione ed arte, ecco le associazioni che spiegano questo reportage; un festival molto interessante e ricco di spunti anche per chi, come me, non è del settore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Appunti dal Fumetto Festival 2012 di Lucerna su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: