Recensione Anelli Soli – Malomodo

27/03/2012 § Lascia un commento


Recensione Anelli Soli – Malomodo (Seahorse Recordings, 2012)

Recensione Anelli Soli – MalomodoAnelli Soli, trio siciliano composto da Marco Anello (chitarre e voci), Luca Anello (batteria) e Antonio Stella (tastiere e synth) nato inizialmente come un duo nel 2008, è all’esordio con questo Malomodo che  viene spalleggiato dalla buona Seahorse Recordings (nel loro rooster The Child of a Creek, Marlowe e tanti altri).

L’album in questione è un sunto di un certo pop indipendente e alternativo che, prendete l’esempio dei Verdena (abbandonate questa vostra ispirazione, vi sarà molto utile), va per la maggiore; i suoni sono ricercati e prendono spunto dal folk, dalla psichedelia e dal rock ricco di chitarre (piene e marmoree o semplicemente delicate). I testi  a volte non sono semplici, altre volte sono ricordi sgangherati d’infanzia ( l’iniziale "Youppi Du per bambole") oppure dei giochi di parole ricercati ("Ina ina", uno dei pezzi più riusciti), ma ricordano vagamente i già citati fratellini bergamaschi anche se molto più sboccati.

Attenzione: non voglio catalogare gli Anelli Soli come copia di un qualcosa che già esiste, perchè di  sicuro a loro non manca la personalità. Bisognerebbe aggiustare la mira cercando di evitare tempi morti o canzoni con poco grip (Vagobendaggio o Acid Mod), perchè questo mix tra Flaming Lips, Pan del Diavolo e Devics non è da abbandonare. Potreste perdervi nel folk di "La classica scena in cui muoio", potreste bere brindando agli anni ’60 con "Come Ernesto l’ombra" e finire ad accostare filmati al montaggio sonoro di "In Viaggio intorno al Cranio".

Un debutto che stuzzica, lasciando perdere discorsi moralisti sui testi un po’ “forti”, ma che lascia anche un po’ l’amaro in bocca per una sostanza sparsa nelle undici canzoni in malomodo, appunto.

Tracklist:

01. Youppi Du per bambole (oh papà)
02. Santaresa
03. Ina Ina
04. Vagobendaggio
05. La classica scena in cui muoio
06. Come Ernesto l’ombra
07. Acine mod
08. Canzone per persone buone
09. Il cane stanco
10. Il mio piede
11. Viaggio intorno al suo cranio

Sito Internet: www.anellisoli.com
Facebook: www.facebook.com/anellisoli
Casa Discografica: www.seahorserecordings.com

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Anelli Soli – Malomodo su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: