Recensione X-Mary – Green Tuba

22/03/2012 § Lascia un commento


Recensione X-Mary – Green Tuba (Wallace Records/Lemming/Smartz, 2012)

Recensione X-Mary – Green TubaIl gruppo degli X-Mary si forma senza troppe discussioni nel 1995 a San Colombano al Lambro (nella provincia di Lodi) e comincia seriamente nel 2002 organizzandosi come si deve e cercando di dare il meglio. Il disco d’esordio, sotto la personale LMC, si chiama "Day Hospital" e vede la luce nel 2004; nel 2006 esce "A Tavola con il Principe" mentre nel 2008 il grandioso e sempre più demenziale "X-Mary al Circo" (seguito da "Tutto Bano" del 2009 e da il demo improvvisato di "Vent’anni di gita scolastica" del 2010).

Arriviamo al sesto disco, "Green tuba", che è il motivo di questa recensione, accompagnato dal solito elenco immenso di case discografiche che lo sostengono e producono: Another Shame, Dischi di Plastica, Escape from Today, Le Arti Malandrine, Lemming Records, Noiseville, Smartz Records, Wallace Records.

Vedere ventuno canzoni mette un po’ di soggezione ma è meglio informarvi che la durata media è inferiore ai due minuti, quindi mettetevi comodi. Possiamo mettere l’album sotto il calderone del rock’n’roll, potremmo infilarcelo nel punk o addirittura nel funk-qualcosa (usano anche i fiati questa volta); poco importa perchè questi musicisti prendoni i diversi generi e costruiscono canzoncine come solo gli X-Mary sanno fare. Sentitevi le chitarre e la batteria di "In Prima Fila" o di "La Piazza non c’è più", oppure il minuto più figo che ci sia di "Tiziano Iron" (pura furia hc ignorante, nel senso buono). "Mi sento solo" è il singolo di Green Tuba, a dire il vero un minisingolo con un testo pregno e sintetico: “Mi sento solo”; "Io Amo Te" invece è una notevole pop-parodia della gelosia che colpisce i più insicuri, un botta e risposta sincero e crudele, mentre "Essere Felice" è psichedelia leggera e senza fronzoli.

Fabio Magistrali, ingegnere del suono e spalla degli X-Mary, ha messo anche questa volta qualcosa di suo in un album che conferma il genio demenziale/musicale del gruppo che però dovrà cambiare, o aggiustare, qualcosa per non pubblicare album fotocopie e quindi non annoiare.

L’estro c’è.

Tracklist:

01. In Prima Fila
02. La Piazza Non C’è Più
03. Solo Mattia Mi Dà
04. Pasticciotti
05. Sì Mon Amour
06. Gigia, Il Cane Di Cristiano, Si È Persa Nel Bosco Del Castello
07. La Rivista
08. Tiziano Iron
09. Badula!
10. Patatracco
11. Viados De Porao
12. La Giornata Del Nuovo Pizzaiolo
13. Racconti Dell’Africa Nera
14. Picante
15. È Andata Via Con Lui
16. Ostrapeka
17. Alle 18 Le Capre Bevono
18. Mi Sento Solo
19. Io Amo Te
20. Esser Felici
21. To Mama L’è Un Fiöl D’una Vaca De Merda

Sito Internet: www.xmary.net
MySpace: www.myspace.com/fantasticixmary
Facebook: www.facebook.com/pages/X-Mary/39138141498
Wallace Records: www.wallacerecords.com

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione X-Mary – Green Tuba su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: