Recensione Bungalow 62 – Mad, Bad, Dead

20/03/2012 § Lascia un commento


Recensione Bungalow 62 – Mad, Bad, Dead (Autoprodotto, 2012)

Recensione Bungalow 62 – Mad, Bad, Dead (Autoprodotto, 2012)Paolo Forlì nasce a San Benedetto del Tronto nel 1967 ma l’Italia gli sta stretta e decide di girare per il mondo: a Mora, tra la riva nord del lago Siljan e la riva meridionale del lago Orsasjön nella contea di Dalarna (Svezia), nasce il suo progetto che prende il nome dalla casetta del camping in cui risiedeva.

"Snowy Teeth Drive" è il suo primo album, uscito nel 2010, che è stato registrato e prodotto ad ancona da Mattia Coletti (Xabier Iriondo, Afterhours e Fabio Magistrali) e citando il comunicato è un compendio di foreste, amori, cucine ed arti varie tradotto su chitarre acustiche e poco altro. "Mad, Bad, Dead" è invece un prodotto casalingo, quasi lo-fi per alcuni versi, di otto brani che traggono ispirazione dal folk e sonorità leggere ed acustiche americane; ancora una volta il nostro si allontana dal proprio paese per abbracciare Syd Barret, Eels, Grandaddy e tanti altri.

E’ un disco che ti abbraccia piano piano, sincero e per niente ruffiano, che inizia con "Brown Focus" che fa un po’ il verso agli Eels; "Monkeys and Camels" è l’indie più scarno possibile, quasi sottovoce, mentre "Binoculars on Sunday Afternoon" sembra stata scritta in macchina lungo le strade del Nebraska. La voce è uno degli strumenti ( oltre a chitarra, tastiera e qualche percussione forse) che impreziosisce il quadro di questo album intimo e color seppia: prendete come esempio il falsetto in "Mad, Bad, Dead" (che bello il sound anni ’90…).


Paolo Forlì deve continuare a viaggiare, continuando a scrivere e a comporre musica per ascoltatori che amano le foto in bianco e nero e ingiallite dal tempo; tradizione e semplicità, un ottimo punto di forza prima del fatidico terzo album (si, so benissimo che è presto per pensare ad un seguito).

Tracklist:

01. Browns Focus
02. Monkey and Camels
03. Binoculars On Sunday Afternoon
04. The Two Marshall
05. Mad, Bad, Dead
06. Visions Of J
07. Joseph’s Turpentine
08. The Doorman

MySpace: www.myspace.com/bungalowsixtytwo
Facebook: www.facebook.com/pages/Bungalow62

(Hank – Recensione su Eyeonmusica)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Recensione Bungalow 62 – Mad, Bad, Dead su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: