Alessandro Fiori – Attento a me stesso

27/09/2010 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Times New Roman”,”serif”;
mso-ascii-font-family:”Times New Roman”;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:”Times New Roman”;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

Alessandro Fiori – Attento a me stesso (Urtovox, 2010)

Alessandro Fiori – Attento a me stesso Dove possiamo collocare Alessandro Fiori? Si, certo, con i suoi Mariposa ne ha fatta di strada e non ci sarebbe nemmeno il bisogna di scriverlo; potremmo collocarlo nella sua terra d’origine in qualche locale devoto a Bacco; oppure, senza porci il problema, potremmo stare in silenzio sulle sue parole.

Le sue collaborazioni non si contano più ed  è forse per questo che oggi viene spalleggiato da musicisti come Marco Parente, Enrico Gabrielli e Alessandro Stefana. Dalla e Faust’o i primi che mi vengono in mente, Paolo Conte e Graziani i secondi, poi ognuno è libero di pescare dove vuole se i risultati sono questi.

Parliamo di canzoni che lasciano il segno: storielle di borderò (“2 Cowboy per un parcheggio”), fumi alcolici che ti lasciano canticchiare “Senza le dita” ed il folk d’annata di “Trenino a cherosene”. Altre ce ne sono di canzoni ed è un bene che la musica possa continuare.

Tradizione italiana che si lascia modellare dall’ironia e dal cinismo del nostro cantante, temi e significati che non tutti saprebbero rendere così leggeri per poterli meglio assimilare. Bisogna continuare così.

Tracklist:

 

01. Idrocarburi

02. Catino Blu

03. Fiaba Contemporanea

04. Lungo Mare

05. La Vasca

06. Fuori Piove

07. 2 Cowboy per un Parcheggio

08. Senza le Dita

09. Labbra Fredde

10. Lucyfer Wash

11. Trenino a Cherosene

 

Sito Internet – MySpace: www.alessandrofiori.netwww.myspace.com/alefiori

Casa Discografica: www.urtovox.itwww.myspace.com/urtovox

 

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Alessandro Fiori – Attento a me stesso su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: