John Grant – Queen of Denmark

06/05/2010 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Times New Roman”,”serif”;
mso-ascii-font-family:”Times New Roman”;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:”Times New Roman”;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

John Grant – Queen of Denmark (Bella Union, 2010)

John Grant – Queen of DenmarkEccolo qui John Grant, da solo, dopo aver guidato per tantissimo tempo i suoi  Czars in una dozzina di album sottovalutati da molti.

Melodico e leggero, come solo il pop sa esserlo, “Queen of Denmark” è un gioiello prezioso, coltivato anche grazie ai Midlake, proprio in concomitanza dell’uscita del loro disco (da tenere d’occhio anche loro), che impreziosirono gli arrangiamenti con flauti ed altri strumenti più folk. L’arte della nostalgia, della tristezza e di quell’allegria che ha quel retrogusto amaro, la troviamo sparsa in questi brani.

Lo splendido viaggio fluttuante di “I Wanna Go To Marz” e il ritorno con “Where Dreams Go To Die” alle canzoni di una volta, sono gemme belle gonfie; citando “Sigourney Weaver” e  saltellando con “Silver Platter Club”, si arriva alla splendida title track, pronta ad esplodere per farvi venire una pelle d’oca elettrica. Non c’è pericolo che possa stancare, lo si può sentire in ogni situazione (o quasi) per rendersi conto che avevamo voglia di canzoni come queste.

L’unico pericolo è che resti nell’ombra, come i dischi del suo vecchio gruppo, bisogna farlo circolare; altrimenti tenetevelo ben stretto, datelo solo a chi lo merita, senza chiedere niente in cambio.

Titletrack:

01. TC and Honeybear

02. I Wanna Go to Marz

03. Where Dreams Go to Die

04. Sigourney Weaver

05. Chiken Bones

06. Silver Platter Club

07. It’s  Esier

08. Outer Space

09. JC Hates Faggots

10. Caramel

11. Leopard and Lamb

12. Queen of Denmark

 

Sito Internet: myspace.com/johnwilliamgrant

Casa Discografica: www.bellaunion.com

 

 

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo John Grant – Queen of Denmark su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: