A Dog To A Rabbit – s/t

25/02/2010 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Times New Roman”,”serif”;
mso-ascii-font-family:”Times New Roman”;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:”Times New Roman”;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
mso-fareast-language:EN-US;}

 

A Dog To A Rabbit – s/t (Lady Lovely, 2010)

A Dog To A Rabbit – s/t (Lady Lovely, 2010)Altra nuova uscita per la neonata etichetta torinese Lady Lovely, ora tocca a questo gruppo fiorentino che prende tutto ciò che può dal rock, duro e movimentato, americano.

Come dice la buona press stampa, potete sentire i Queens of  the Stone Age (“Flavor”) i Nirvana (soprattutto nella voce) e tanto altro, tant’è che in “Rock Abuse” mi è sembrato di sentire un personale tributo agli Strokes. Anche la voce, il più delle volte, va a riprendere quella di altri cantanti, ma senza risultare senza personalità; altro caposaldo del gruppo è la ritmica, molto ben presente e dura quanto basta per farvi andare su di giri.

Milkshop” è la più riuscita, forse quella più particolare, mentre la ballade che prende il nome dal gruppo (e quindi si sta parlando della title track) sembra scostarsi da quanto abbiamo detto fino ad ora, ma senza risultare un pungo in un occhio. Marco Burroni (bass, lead vocal), Davide Mollo (guitar, background vocals) e Donald Renda (drums, background vocals), hanno avuto un’ottima idea a cantare in inglese, risultando così molto più appetibili.

Concludo dicendo che la presentazione è molto buona, sicuramente bisogna tenere duro e continuare su questa strada, ma sicuramente è un bell’album omonimo.

Tracklist:

 

01. Rock abuse

02. Flavor

03. I can’t stay out of

04. Liar

05. Milkshop

06. Bedlam minds

07. 4 rules

08. A dog to a rabbit

09. Animal face

10. Chemical

11.Like a play

 

MySpace: www.myspace.com/adogtoarabbit

Casa Discografica: www.ladylovely.it

 

 

(Hank)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo A Dog To A Rabbit – s/t su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: