A DOG TO A RABBIT su Lady Lovely

31/01/2010 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 A Dog to A Rabbit

 

 

 

 

Etichetta emancipata

Via Carlo Alberto 61

10063 Pomaretto, Torino, ITALIA

www.ladylovely.it

label@ladylovely.it

 

A DOG TO A RABBIT nasce a Firenze nel 2007 dall’incontro delle affinità di Marco Burroni, Davide Mollo e Donald Renda. Senza troppi giri: è un trio rock. Un trio che funziona, che ha trovato una direzione di suono ben precisa e punta a quella senza distrarsi troppo. Le tre anime della band si fondono alla ricerca della potenza espressiva, aprendo le porte a sogni, paure e rabbia. Brani accattivanti che scorrono via bene grazie a soluzioni ritmiche e armoniche interessanti, da ascoltare e riascoltare per scoprirne sfumature raffinate e ricercate. La sezione ritmica è granitica e non perdona, mentre voce e chitarra si strizzano l’occhio dividendosi tra atmosfere oniriche e momenti più secchi e taglienti. Tra sogno e realtà.

Come nel caso degli altri lavori di casa Lady Lovely, anche l’album degli ADTAR non scimmiotta nessuno in particolare, ma è la sintesi matura e consapevole di tutto ciò che parte da Hendrix, e passando dai Nirvana arriva ai Queens Of the Stone Age.

L’album più compatto meno equivocabile uscito al momento per la label emancipata.

 

Tracklist:

1 – Rock Abuse

2 – Flavor

3 – I Can’t Stay Out Of

4 – Liar

5 – Milkshop

6 – Bedlam Minds

7 – 4 Rules

8 – A Dog to a Rabbit

9 – Animal Face

10 – Chemical

11 – Like a Play

 

Line up:

Marco Burroni – bass, lead vocal

Davide Mollo – guitar, background vocals

Donald Renda – drums, background vocals

 

A DOG TO A RABBIT, A Dog to a Rabbit (Firenze, Italia)

sito internet: www.myspace.com/adogtoarabbit

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo A DOG TO A RABBIT su Lady Lovely su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: