Les Fauves – N.A.L.T. 2 Liquid Modernity

07/04/2009 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Times New Roman”,”serif”;
mso-ascii-font-family:”Times New Roman”;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:”Times New Roman”;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
mso-fareast-language:EN-US;}

 

Les Fauves – N.A.L.T. 2 Liquid Modernity (Urtovox/Shinseiki, 2009)

Les Fauves – N.A.L.T. 2 Liquid Modernity Nel modenese risiede un quartetto che, nel bene e nel male, decide di fare una trilogia dal titolo: Noise Arms Limitation Talks. Siamo al secondo capitolo e i Les Fauves ci prendono sottogamba, prima con una press infuocata e pompata e poi con un album che, canzone dopo canzone, ci fa apprezzare l’anima folle di questi ragazzi.

Zygmunt Bauman, sociologo e filosofo polacco, ha spiegato più volte la postmodernità come stati liquidi e stati solidi, dove tutto può sciogliersi, dalla persona fino a tutto ciò che le sta intorno; questo studio viene preso come spunto per la scelta del titolo, cercando di ostacolare la dissolvenza della personalità umana con l’ironia ed il gioco musicale.

Troppe le citazioni ed i riferimenti in “Liquid Modernity” (Talking Heads, Frank Zappa e Devo per citarne qualcuno), come molteplici sono i suoni ricercati. S’inizia con le tastierino impazzite di “Everlasting Soup”, l’indie riuscito di “Bertolina Party Suite” (con intermezzo che spiazza) e la filastrocca “Drops Drops Drops”; “Funerl Party” e “Death of the Pollo, per esempio,  puntano su quell’ironia che tanto aveva funzionato ma che ora risulta un po’ troppo voluta e buttata li.

Lagos”, con i suoi paesaggi lontani,  e la psichedelica “Keep Living in a Subway”, con tanto di ritornello, convincono di nuovo; così come il pop dondolante di “Snow in Trinidad and Tobago” ed il finale pseudo Hawaiano di “Cold Shower Tide” (Ukulele incluso).

Se solo i Les Fauves avessere preso con più calma le idee migliori, “Liquid Modernity” sarebbe una bomba, invece è un buon disco con delle “calme piatte” che rovinano l’andamento.

Tracklist:

1.      Everlasting Soup

2.      Bertolina Party Suite

3.      Drops Drops Drops

4.      Funerla Party

5.      Snow in Trinidad and Tobago

6.      Death of the Pollo

7.      Keep Living in a Subway

8.      Lagos

9.      Pistlicker

10.  Back to the Anal Phase

11.  Cold Shower Tide

 

Sito Internet: www.lesfauves.net

MySpace: www.myspace.com/lesfauves

Urtovox: www.urtovox.it

Shinseiki: www.shinseiki.it

 

(Hank)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Les Fauves – N.A.L.T. 2 Liquid Modernity su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: