My Own Parasite – God 3–Myself 0

20/10/2008 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-language:EN-US;}

My Own Parasite – God 3 – Myself 0 (Plumbea Records, 2008)

My Own Parasite - God 3-Myself 0Terzo disco (doppio) dopo tanta gavetta e tanta esperienza alle spalle (tra cui anche la colonna sonora di “Una Notte” di Tony D’Angelo), un disco che ama il doppio, l’opposto e le contraddizioni; un packaging molto curato (ad opera di ericailcane.org) e tecnica a volontà.

Giocare contro Dio e perdere 3 a 0 non è un disonore, ma un punto di partenza con due facce differenti: una elettrica ed una acustica, versioni alternative dello stesso brano e passaggi musicali dal post rock al folk, dal noise alla psichedelia. Ovviamente, dato che di possibilità ce ne sono sempre due, i testi sono in inglese ed in italiano.

Per il primo, elettrico, album:  Fear of the party” è noise massaggiato, “One Black Car” fa capire quanto ci sanno fare con gli strumenti mentre ritornano in mente i C.S.I. (“Errorinmente” e “Plumbea”). Per il secondo, acustco, album: “Plumbea” prende quota, “Naomi” è semplice melodia disturbata e la chitarra di “God3 Reprise” riverbera nella testa. Una cosa va detta, dire che la seconda parte sia acustica è una mezza verità data la presenza di suoni e strumenti che poco hanno a che fare con la definizione data.

Se i nomi di Alice in Chains, Sonic Youth, Slint e Motorpsyco vi fanno paura, non andate oltre, altrimenti vi consiglio un ascolto intelligente di “God 3 – Myself 0”.

Ora la pagella come se fossimo giornalisti della Gazzetta dello Sport:

Prima parte: voto 6.4 (buona la tecnica e la capacità ma, per poter prendere un voto migliore, serviva quel qualcosa in più che qui manca)

Seconda Parte: 7.0 (ecco cosa intendevo con “qualcosa in più”)

 

Tracklist:

Disco 1#Elettrico

1.       Fear of The Party

2.       One Black Car

3.       Errorinmente

4.       Keisukeueda

5.       Burning Disorder

6.       The Purest One

7.       Plumbea

8.       Interview

9.       Naomi

10.    Swimming Pool Full of Boredom

Disco 2#Acustico

1.       Swimming Pool Full of Boredom

2.       Halina

3.       Plumbea

4.       Errorinmente

5.       The Purest One

6.       Naomi

7.       God3 Reprise

Sito Internet: www.myownparasite.com

MySpace: www.myspace.com/myownparasiteband

Casa Discografica: www.plumbea-records.com

 

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo My Own Parasite – God 3–Myself 0 su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: