Okkervil River – The Stand Ins

19/10/2008 § Lascia un commento

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Times New Roman”,”serif”;
mso-ascii-font-family:”Times New Roman”;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:”Times New Roman”;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
mso-fareast-language:EN-US;}

Okkervil River – The Stand Ins (Jagjaguwar, 2008)

okkervil river - the stand insThe Stand Ins” è il secondo disco in così poco tempo, il secondo capitolo con troppe canzoni che dovevano far parte di un doppio album (il precedente “The Stage Names” per la precisione), ma alla fine si opta per separarlo con la convinzione di  raccogliere meglio queste gemme secondarie.

Si resta fedeli a tutto il country/rock e alle ballate classiche (“On Tour with Zykos”), perdendo solo un po’ di verve, per ritrovare anche temi comuni: la morte della pornostar Shannon Wilsey in “Starry Stairs” (“Savannah Smiles” nel primo capitolo) e storie tra groupie e cantanti  in “Blue Tulip” (così come in “Girl in Port” in precedenza); anche l’ironia è sempre presente, basta ascoltare attentamente “Pop Lie” in salsa glam e le prese in giro di “Singer Songwriter” in salsa Wilco; concludendo con stralci strumentali, classiche okkervilsong come “Lost Coastlines” e l’emozione crescente di “Bruce Wayne Campbell…”.

Non aggiunge molto rispetto a quello che era stato già detto/fatto dalla band texana, al massimo viene descritto con ulteriore precisione; il rapporto con i fan è sia il centro che l’estremità di “The Stage Ins”, ma si potrebbe rompere se venissero incompresi dagli stessi ragazzi che li supportano.

Cerchiamo di andare oltre ora, prendiamo tutto e ripartiamo da zero per l’attesa di un nuovo lavoro che, chissà, potrebbe risultare diverso da questo doppio.

Tracklist:

1.       Stand Ins, One

2.       Lost Coastlines [MP3] [Movie]

3.       Singer Songwriter

4.       Starry Stairs

5.       Blue Tulip

6.       Stand Ins, Two

7.       Pop Lie

8.       On Tour With Zykos

9.       Calling and Not Calling My Ex

10.    Stand Ins, Three

11.    Bruce Wayne Campbell. Interviewed on The Roof of The Chelsea Hotel, 1979

 

Sito Internet: www.okkervilriver.com

MySpace: www.myspace.com/okkervilriver

Casa Discografica: www.jagjaguwar.com

 

 

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Okkervil River – The Stand Ins su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: