Il Folk di Kathleen Baird e degli Auto Da Fe

19/10/2006 § Lascia un commento

Auto Da Fe – The Spectre (Secret Eye, 2006)

 

Auto da Fe - The SpectreGli Auto Da Fe ( Martin Kvisvic e Tara Tavi, entrambi negli Amps For Christ) prendono un buon quantitativo di strumenti esotici e poco utilizzati, tentando di costruire un paradiso folk-medioevale ("Neptune Society Ball" è un buon esempio).

 

In "The Spectre" abbiamo strumenti (Yang Qin, Tibetan Cymbals e Banjo Cinese per esempio) che richiamano, nelle canzoni iniziali ("Past Times", "Little Alili" e "Mao Meow", paesaggi orientali. Poi, dopo uno strumentale e qualche canzone trascurabile, il cambio di rotta e di ritmo: l’energica "Just Now" trasporta molto bene l’ascoltatore, un brano strumentale che suggerisci l’abbandono del cantato.

 

Eccolo il canto, quello vero però ("Huaf Weishenme") in una canzone che sembra nata nel nostro meridione, come la triste e malefica "Sophie". Tante le direzioni esplorate e poca la bellezza, soprattutto vocale (ripeto); bisogna aggrapparsi ad una manciata di brani (non 18) ed avere una direzione chiara.

 

 

Kathleen Baird – Lullaby for Strangers (Secret Eye, 2006)

 

Kathleen Baird - Lullaby For StrangersIl secondo disco solista di Kathleen Baird (Spires That in the Sunset Rise) è tutta un’altra cosa, nasce sempre nel vasto campo del folk ma in un pezzettino arato diversamente.

 

L’intro devoto al circolo di streghe c’è sempre ("Traps") ma Kathleen, senza altre persone a cui pensare, riesce sul serio a donare cantilene (un po’ cupe lo ammetto) agli stranieri; il cello accompagna una splendida voce, molto profonda, in "Breaking the Roofs" ed aspetta inventive strumentali ("Morning Song #1" la prima).

 

Anche Michael Gira (Angel of Light / Young God Records) è piacevolmente impressionato dal suo modo di scrivere e dalle sue songs evocative; suona tutto da sola e, tralasciando qualche passaggio tedioso, riesce a trasmetterti tutto della sua passione ("Burt Deeper" è un esempio, anche se brevissima).

 

Ora mi aspetto un disco dove nessuno potrà trovare qualche pecca, ed ansioso mi ascolto di nuovo "Lullaby for Strangers".

 

 

Sito Auto Da Fe: A.D.F. on My Space

MP3 Auto Da Fe: "Past Times" – "Bao Ba Cha"

Sito Kathleen Baird/ Spires That in the Sunset Rise : Link

MP3 Kathleen Baird: "Breaking the Roofs" – "Morning Song #2"

Casa Discografica: www.secreteye.org

 

(Hank)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il Folk di Kathleen Baird e degli Auto Da Fe su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: