Meglio tardi che mai: i Morose

21/11/2005 § 1 Commento

Morose – People have ceased to ask me about you (Suiteside, 2005)

 

moroseDopo "La mia ragazza mi ha lasciato" (Ouzel Records, 2003), ecco il nuovo album dove la gente ha smesso di chiedere di lei… tutti in silenzio ad ascoltare quest’incantevole ossidiana sonora.

 

Inizia tutto in una cantina/sala prove dove viene trovata una lettera, che apparterrebbe ad un soldato tedesco della seconda guerra mondiale; il testo è immutato ed inserito in un post rock soffice ("Ich bin der grob e derdiedas"), ricco di field recording e vociare di bambini nel finale (voci infantili che si ripetono le prime tracce).

 

Delicatezze pop ambient farcite di campanellini ("Words are playthings"); incroci di Black Heart Procession con Motorpsycho ("Some Squeaking bones"); Ballate balcaniche e valzerini ("Francoise & Christophe") e post strumentali che non disdegnano il folk ("Imaginary walk in Grozny").

 

Da notare la collaborazione con gli YeePee, che cantano nella nenia/litania (un pop allucinogeno trasognante) "Un plaisir funeste"; un viaggio lento, malinconico e oscuro da percorrere senza indugi, adattissimo al periodo autnno/inverno.

 

Sito Internet: www.moroseismoroseismorose.com

Casa Discografica: www.suiteside.com

MP3: Words are playthings

 

(Hank)

 

Annunci

§ Una risposta a Meglio tardi che mai: i Morose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Meglio tardi che mai: i Morose su Velvetgoldzine.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: